RecensioniStoner

Duocane – Sudditi (Autoprodotto – 2020)

Duocane - Sudditi

Decisamente, il nome di Stefano Capozzo dirà qualcosa ai lettori di Raw & Wild: membro dei Banana Mayor (ovviamente recensiti su queste pagine) e dunque portabandiera contemporaneo della via italiana al grunge/stoner o comunque chiamereste quel sound che puzza di benzina agricola tanto quanto di riviste specializzate anni ’90. Come il nome lascia intendere, il progetto responsabile di “Sudditi” è un duo, con questo EP che è nato da uno scambio di idee a distanza tra il già citato Capozzo e il batterista Giovanni Solazzo.

Un EP contenente cinque tracce per un minutaggio di tutto rispetto, quasi mezz’ora di musica; quello che richiama subito l’attenzione è la diversificazione di sonorità tra le tracce stesse, accomunate da uno stile vocale abrasivo e sofferto corredato di liriche spesso indulgenti sulla stretta attualità, mentre musicalmente si dipanano su coordinate leggermente differenti. C’è l’opener “Martello” che rappresenta la “quota schizzata” del lavoro e  può ricordare i Naked City o gli Psychofagist o ancora gli Splatterpink; “Memorie dal sottosuolo” ricorda il rock italiano ma anche i suoi recenti intenti revivalistici, con una coda a metà tra la tradizione grunge e quella neofolk, usufruendo peraltro di un inserto di fiati campionati che ci ricorda per un attimo i Panico e chiunque abbia battuto quella strada (Timoria ed Extrema, entrambi nello stesso anno fatale 1995!).

Si procede con il fluido floydiano e desertico di “Vilipendio”, che non manca di alleggerire il dilatarsi del rifferama con un chiaro richiamo allo stile di Steven Wilson, immediatamente prima della sferzata finale; e a proposito di sferzate, vale la pena di citare “Peritonite”, su cui i ritmi si fanno più incalzanti, con una variazione che colpisce, affonda e strizza l’occhio a tutti i nostalgici, nessuno escluso. Non amo analizzare i dischi traccia per traccia, ma tanto siamo già alla quinta e conclusiva “Buon compleanno Sudo”, sorta di versione post-apocalittica dello stile più evocativo dei Marlene Kuntz; solo che qui il canovaccio che a suo tempo ha dato vita a “Nuotando nell’aria” viene riletto secondo i canoni dei Duocane e dilatato oltre gli otto minuti. Se sia meglio o peggio, non è questa la sede per discuterne. Quello che devo concludere alla fine è che questi ragazzi sono come me: devono buttar giù qualcosa di sperimentale rispetto alla band madre e pensano subito all’avanguardia novantiana, la stessa cosa a cui penserei io. Sorpassata, direte voi? Niente affatto, rispondo, e lo faccio anche da parte loro.

Assieme agli Oigres, una bella scoperta di “quella nicchia” di underground italiano (intanto arricchita di maturità e respiro più ampio) che speriamo continui ancora a restar viva, sotto la cenere o dritta verso l’orizzonte.

Voto: 7,5/10

Francesco Faniello

Contact
www.facebook.com/duocanemusic

Valutazione

7.5

Voto

Pro

  • +

Contro

  • -
Articoli correlati
NewsStonerVideo

RAINBOW BRIDGE, è on line il nuovo video "Years of Beer"

I pugliesi Rainbow Bridge hanno condiviso il video del nuovo singolo “Years of Beer” sul canale YouTube 666MRDoom. Nelle parole della band,…
8.0
PowerProgRecensioni

Luciano Launius – Painters Of Ether – (Experience Music Label - 2021)

Solitamente non sono molto avvezzo ad ascoltare power metal e generi simili, in quanto preferisco roba più estrema o, in alternativa, più…
DoomNewsStonerVideo

KADAVAR e ELDER pubblicano il nuovo singolo "El Matador" feat. Kristof Hahn (Swans)

Forse la più importante rock band di Berlino Kadavar scivola sotto una coperta con US prog prodigi roccia Elder – il loro album “ELDOVAR – A Story…

Lascia un commento