Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - The Outer Limits
:: The Outer Limits - Apocalypto - (Stormspell Records - 2017)
La Stormspell Records ci avvisa che la band bulgara The Outer Limits è tornata sul “mercato” e che mantiene con orgoglio la fiamma del classic thrash metal Bay Area degli anni ’80; una fiamma che brucia a lungo e luminosamente; una band e un disco, per gli appassionati di Exodus, Forbidden, Testament, Defiance, Heathen, etc. Ricordiamo che i bulgari sono attivi dal 2008 e che noi di Raw & Wild avevamo già conosciuto The Outer Limits (e il loro nome che ricorda tanto i Voivod) con World Metal Domination del 2014. Per la verità, il disco non ci era sembrato chissà che (voto: 6,5/10), ma sin dall’ascolto dei primi brani del nuovo album, Outlive the Death e Master of the Flies, si evince che la band è diventata più “cattiva” e moderna (con una voce, in Master of the Flies, che può essere accostata allo stile new metal). L’apocalisse richiamata dal titolo del disco e dalla copertina (che ho apprezzato), si percepisce con Thrashin’ Maniacs, brano veloce e diretto; un brano distruttivo e accattivante, un buona hit – da suonare e risuonare dal vivo – la cui unica pecca (comune a buona parte dell’album – parere personale, naturalmente) è la voce, poco accattivante. Coma è un mid-tempo dove finalmente anche George Peichev e le sue linee vocali trovano una dimensione ideale. Nell’introduzione di Apocalypto si colgono i (primi) Metallica, ma la band sposta subito le coordinate, con ritmiche più robuste e ossessive, e con chitarre agguerrite e più vicine agli Exodus e a band più moderne. La conclusiva Final Day, è parzialmente strumentale (nella prima parte) e si fa apprezzare tanto; poi arriva la voce di Peichev a ricordare che “questo” può essere l’ultimo giorno! Personalmente, Final Day è tra i brani migliori del disco – unione perfetto tra le band citate dall’etichetta (e sopracitate) e band più moderne. In conclusione… a chi suggeriamo Apocalypto? Beh, sia agli amanti del thrash metal che a quelli di sonorità più “aperte”; difatti, in Apocalypto si percepiscono “spruzzi” di suoni più moderni; a me, in alcune parti, ricordano le band NWOAHM (New Wave of American Heavy Metal). Peccato per la voce, che non sempre si amalgama e/o è aggressiva ed efficace come il resto della band. Anche per questa volta, per me, non vanno oltre il sei e mezzo… chissà se la band mi stupirà con il prossimo lavoro – per adesso, ci accontentiamo di questo!
Voto: 6,5/10
Giovanni Clemente

Contact
www.reverbnation.com/theouterlimits
www.facebook.com/TheOuterLimitsThrashMetal
:: The Outer Limits - World Metal Domination - (Stormspell Records - 2014)
Se alle parole Thrash Metal aggiungo “The Outer Limits”, voi a cosa pensate (o meglio, a chi pensate?)?… Beh, naturalmente, penserete che due più due fa quattro, o no? E il primo nome che vi verrà in mente è: Voivod! Già, ma a differenza degli storici (e mai troppo lodati) Voivod, questa band arriva dalla Bulgaria, posto un po’ inusuale per il thrash, e tuttavia riesce a pubblicare con la statunitense Stormspell Records. Ebbene, alla band bulgara (è attiva dal 2008) piace suonare molto nello stile della Bay Area, con quel pizzico di velocità e groove; insomma… Thrash Old School! La copertina (disegnata da Dimitar Nikolov) è davvero carina ed è molto ‘ironica’, con i metallari (gli extraterrestri) che sono venuti a dominare il pianeta Terra; certo, non sarà la copertina del secolo, ma è davvero simpatica. Considerando che per ogni band storica, c’è (e ci sarà) sempre una decina (e anche più) di band pronte a seguire le loro orme, non si faticherà ad inserire i The Outer Limits in questo contesto; per carità, il disco è carino, ben suonato… ma c’è sempre quel ‘sapore’ del già sentito – un cliché che però funziona, perché i brani di “World Metal Domination” sono accattivanti e trascinanti. La produzione del disco, ci riporta al sound dei primissimi Anthrax, Testament, etc… Comunque sia, senza citare questa o quell’altra traccia, vi invito (amanti del thrash old style) a tuffarvi sulla navicella di “World Metal Domination”, per farvi trascinare alla conquista di questo mondo (purtroppo) troppo legato alla musica usa e getta!
Voto: 6,5/10
Giovanni Clemente

Contact
www.reverbnation.com/theouterlimits
www.facebook.com/TheOuterLimitsThrashMetal
<<< indietro


   
Rocka Rollas
"Celtic Kings"
Desert Wizards
"Beyond the Gates of the Cosmic Kingdom"
Urban Steam
"Under Concrete"
Il Cerchio D’Oro
"Il Fuoco Sotto La Cenere"
Anthrax
"Kings Among Scotland"
Nirnaeth
"The Extinction Generation"
Damnation Gallery
"Black Stains"
Blindcat
"ShockWave"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2018
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild