Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Necrofili
:: Necrofili - Immaculate Preconception - (Autoprodotto - 2019)
Mossi dalla vecchia scuola del thrash e death metal, i Necrofili costruiscono il loro sound su riff veloci e violenti, controtempi di batteria e innestano graffianti parti vocali in screaming. Le tematiche affrontate, sono l’angoscia e lo sgomento dell’uomo dinanzi ai temi della coscienza, della società, della guerra e della fede. Nati a Rieti nel 2005, debuttano subito dal vivo e in men che non si dica pubblicano “Necrofili” (autoproduzione); l’anno successivo pubblicano “Cani Sciolti”, un inno per la tifoseria locale (sperimentando la lingua madre); nel 2007 partecipano a “Extreme Metal Inside” – uno split-cd death metal realizzato da SG Promotion che raccoglie diverse realtà underground italiane. Nel 2008 rilasciano “Promo 2008”, nel 2010 si esibiscono al Day Shocking Ground (aprendo per Dark Lunacy, Necrodeath e Nightrage). Il secondo full-length viene rilasciato nel 2017 e si intitola “The End of Everything”; naturalmente, come spesso accade, anche i Necrofili hanno affrontato diversi cambi di formazione. Passiamo al dischetto: iniziamo con “A Lullaby for Reason” che è un’intro acustica e strumentale – con in sottofondo le parole di Giordano Bruno. Segue “Infaithcted”, un brano più violento e veloce, nello stile che la band “adora”, innestato com’è fra il Thrash e il Death Metal: il titolo nasce dalla contrazione di “infected” e “faith”, e tratta dei pregiudizi instillati nella mente delle persone dalla formazione religiosa… “Campo dei Fiori” invece, è un brano in italiano (nonché il più lungo dell’EP), caratterizzato da vari cambi di tempo e con un ovvio riferimento alla piazza dove fu condannato Giordano Bruno. Segue ancora “The Shapeless Thing”, anche questo un brano lungo ed articolato, per poi arrivare alla conclusiva “Army of the Reaper”, un episodio “diverso” rispetto ai brani già ascoltati: innanzitutto, il testo è un collage dei titoli di vecchi brani, e poi va rilevato come la melodia (e la voce pulita) duellino qui con una voce abrasiva. E citiamo anche la copertina, accattivante e di richiamo all’arte sacra medievale (realizzata da Claudia Ianniciello). Insomma, un dischetto interessante, ma che avrebbe beneficiato di una produzione migliore, un fattore che penalizza alcuni brani e alcune soluzioni. Un sei e mezzo, non per penalizzare la band reatina, anzi, per stuzzicarli ed incoraggiarli – i numeri ci sono, avanti così!
Voto: 6,5/10
Giovanni Clemente


Contact
www.necrofili.com
:: Necrofili - Promo 2008 - (Autoprodotto – 2008)
I Necrofili sono una band di Rieti formatasi nel 2005 con all’attivo un solo album “Necrofili” che uscì nello stesso anno, i nostri hanno voluto far precedere l’uscita del loro secondo album da questo promo (destinato più che altro alle etichette) contenente 5 dei brani che altro non sono che un piccolo assaggio di ciò che sarà il loro secondo full-leight.
La proposta musicale dei Necrofili si rifà a band quali: Metallica, Death, Carcass e Megadeth facendone uscire fuori un sound in cui prevale il death metal. Ma ora direi che è tempo di andarvi a parlare più specificatamente dei brani.
“Fleshweak” e “Full Throughts Overflow” sono brani di più che buona fattura death, songs che avevo già avuto il piacere di potere ascoltare nello split album “Extreme Metal Inside” (edito dalla SG Promotion nel 2007), poi è il turno delle buone e decisamente più thrasheggianti “Crucify” e “D-Generation” per poi concludere con “Signore Del Tempo” brano anch’esso di buona fattura, con un sound a metà tra thrash e death e che presenta un testo cantato totalmente in italiano (cosa che può essere già intuibile una volta letto il suo titolo).
Da ciò che ho potuto ascoltare da questo “Promo 2008” non posso assolutamente dire che non sia un buon prodotto ben curato anche nella qualità audio, però dovrò attendere la versione completa dell’album per assegnarli un giudizio più completo, per il momento la mia impressione è stata positiva.
Voto: 7/10
Pax (Antonluigi Pecchia)

Contact:
www.myspace.com/necrofili
www.necrofili.com
<<< indietro


   
Gotthard
"Steve Lee - The Eyes of a Tiger: in memory of our unforgotten friend"
Corde Oblique
"The Moon is a Dry Bone"
In-Side
"Life"
Raven
"Metal City"
Vader
"Solitude in Madness"
Primal Fear
"Unbreakable"
Bait
"Revelation of the Pure"
Nirnaeth
"Anthropocene"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   


Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2020
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild