Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Monkey Ranch
:: Monkey Ranch - Alone - (Red Cat Records - 2017)
“Alone contiene 10 tracce di rock esplorato e sperimentato in innumerevoli suoi sottogeneri”. Allora, i Monkey Ranch sono una giovane rock band dell’appennino tosco-emiliano; formati nel 2012, iniziano con sonorità punk-rock, per poi cambiare sonorità, virando verso le atmosfere “cupe” del grunge anni ’90. Il sound di “Alone” è rock di stampo “vintage”… cioè, caratterizzato da elementi acidi e psichedelici, che riportano ad atmosfere desertiche ed allucinanti – il tutto è visto con una pungente ironia e nonsense, con un leggero sfondo blues che si percepisce nel sound! Con il primo brano (“The Butcher”), la band ci catapulta nella gloriosa epoca di Seattle e del grunge; poi, brano dopo brano, la componente grunge affievolisce… e lascia spazio a sonorità più acide e psichedeliche, dove il blues e lo stoner si impadroniscono della scena – regalando brani interessanti! Questo passaggio è palese nella conclusiva “This One”, un brano dalla durata di oltre dieci minuti, che ci trascina in un polveroso deserto, tra chitarre psichedeliche e atmosfere settantiane. Tornando indietro (alla terza traccia), abbiamo “Danny Boy”, che è un bel brano diretto, ottimo come hit – grazie ai toni rock’n’blues, avvincente! Tocca poi a “Renegade”, che invece riprende le sonorità grunge – ricordando spesso gli Alice in Chains o i Mad Season (o viceversa, fate voi!). Album politematico, che accosta elementi alternativi a situazioni più sperimentali e affascinanti… difatti, brano dopo brano, atmosfere dopo sperimentazioni, si ritorna al grunge più moderno (per esempio) in “Unhappy Stories”, che ricorda i primi dischi dei Silverchair; o ancora, si passa alla dinamica “Pictures of You, con il suo sapore (diciamo) Punk! E perché no (!) al country in “Dance of the Witch”… album vario, per gente varia e per gente più open minded rispetto alla media.
Voto: 7,5/10
Giovanni Clemente

Contact
www.facebook.com/monkeyranch4
<<< indietro


   
Blue Hour Ghosts
"Blue Hour Ghosts"
Devil’s Hound
"Depressive Letters"
Frode Hovd’s Aldaria
"Land Of Light"
Battle Beast
"Bringer Of Pain"
Virgin Steele
"Visions of Eden"
Overkill
"The Grinding Wheel"
Virgo
"Virgo"
In.Si.Dia
"Denso Inganno"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild