Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Magia Nera
:: Magia Nera - L’Ultima Danza Di Ophelia - (Black Widow/Akarma Records - 2017)
Qualche volta il tempo riesce ad essere galantuomo anche in quella giungla che è il mondo della discografia. Non sempre, però a volte capita che alcune band abbiano una possibilità di rivalsa anche a decenni di distanza dalla propria formazione. Così è capitato ai Magia Nera, oscuro gruppo ligure nato a fine anni 60 a La Spezia ma mai giunto all’esordio. In sospeso tra beat e progressive dalle tinte oscure, immagino che questo gruppo non abbia avuto vita facile nella bigotta Italia degli anni del boom (non che ora le cose vadano meglio). Tutti artisti provenienti da altre esperienze musicali, riuniti sotto il vessillo nero da Emilio Farro, all’epoca giovanissimo. Può sembrare una storia simile a quella di chissà quante altre formazioni, però qualcosa di particolare, se non di misterioso, è accaduto ai Magia Nera. Una volta terminate le registrazioni del primo album, durante la consegna del master alla casa discografica, il mezzo che trasportava il nastro ha preso, senza nessun apparente motivo logico, fuoco, distruggendo tutto il lavoro di Farro e compagni. Quell’episodio mise la parola fine alla storia della band. Però non in modo definitivo, perché ora, grazie alla spinta di Giorgio Mangora, la band si è riformata e con qualche decade di ritardo finalmente ha esordito. Una line-up – formata da Emilio Farro (voce), Pino Fontana (batteria), Lello Accardo (basso), Andrea Foce (tastiere) e Bruno Cencetti (chitarra) – che solo in parte mantiene i propri membri originali e che ha tentato di ricostruire quello che è andato perduto. Alla luce di quanto ascoltato, il sound è bel lungi dalle sonorità oscure ed estreme a cui siamo abituati oggi, ma non mi meraviglio che all’epoca un sound del genere avesse pochi eguali in Italia, la band miscela il beat nostrano con l’influenza della scuola hard inglese (Deep Purple, Uriah Heep e Black Sabbath), il blues distorto di Hendrix e una sorta di proto-prog e psichedelia. Il risultato è molto vario e piacevole, un piccolo crescendo che va da ‘Ophelia’ sino alla suite finale ‘Dieci Movimenti In Cinque Tracce’, forse la parte migliore dell’intero disco. Non so quanto l’opera di ricostruzione sia fedele all’originale, i musicisti sono diversi e le tecnologie pure. Col senno di poi, quindi decontestualizzando l’Ultima Danza Di Ophelia e considerandolo con i parametri odierni, risulta un disco riuscito e piacevole all’ascolto. Ma se lo riportiamo all’epoca in cui i brani sono stati ideati, allora quest’opera assume un valore aggiunto non indifferente, e non possiamo che ringraziare l’accoppiata Black Widow (edizione in cd con una bonus track, la cover di “Gypsy” degli Uriah Heep), Akarma (edizione in vinile) per aver reso giustizia a un disco spartito nei fumi (e non solo metaforicamente) del passato. Magia (nera) della musica!
Voto: 7/10
g,f.,cassatella

Contact
www.blackwidow.it
<<< indietro


   
Riot V
"Armor Of Light"
Svartanatt
"Svartanatt"
Magia Nera
"L’Ultima Danza Di Ophelia"
Semiramis
"Frazz Live"
Chromium Hawk Machine
"Annunaki"
Blue Dawn
"Edge Of Chaos"
Stormwolf
"Howling Wrath"
The Newlanders
"uno"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2017
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild