Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Ilienses Tree
:: Ilienses Tree - Till Autumn Comes - (Maculata Anima Rec. - 2020)
Immersi in un clima freddo e autunnale, i sardi Ilienses Tree approdano al loro primo full-length intitolato, per rimanere in tema, “Till Autumn Comes”. Dopo una intro intitolata “A Different Season”, la band prosegue il suo cammino con  “Autumn Falls”,  pezzo in cui la voce di Maurizio Meloni detta legge grazie alla sua profondità, ma anche grazie al suo sconfinare spesso in acuti scream, disperati e taglienti. Il brano in questione si mantiene dentro le coordinate del doom metal più classico, se non fosse per lo scream che può essere tranquillamente accostato al black metal.
“Lower” si apre con delle chitarre malinconiche e atmosferiche. Abbiamo dei tocchi sui tom della batteria, e il pezzo poi pian piano decolla grazie all’ingresso di tutti gli altri strumenti. Da subito possiamo notare come le velocità vengano aumentate ed è qui che entra in gioco una doppia cassa che si alterna a spezzoni più cadenzati e prettamente doom. Un brano molto bello ed evocativo, che poi verso il finale cambia ancora approccio, mantenendo sempre però le melodie di chitarra già ascoltate in apertura. “The Observer” è un pezzo che sorprende per la sua capacità di fondere benissimo doom e black metal, mentre successivamente la band torna in territori più lenti e malati con “Looking Glass”. 
“The Black Tree” è un pezzo che potrebbe tranquillamente essere descritto come black metal, con al suo interno molta melodia e le tipiche armonizzazioni di chitarra tese come corde di violino che riescono ad ampliare il respiro del brano e renderlo davvero speciale. L’ultima traccia del disco, “Blood”, si apre in modo davvero triste. Il sentimento di disagio è palpabile. Buono l’uso delle chitarre acustiche che si poggiano sui tom, quasi come fosse una marcia funebre. Questo va avanti per quasi due minuti, fino a quando il brano si manifesta in tutta la sua decadente atmosfera. Un pezzo che a mio avviso conclude degnamente un disco molto riuscito. 
Adesso la carriera degli Ilienses Tree è avviata e loro hanno realizzato un debutto molto convincente. Il loro destino è quindi nelle loro mani, ma noi possiamo contribuire da subito supportandoli e facendo in modo che la loro carriera possa prendere il volo.
Voto: 7,5/10
Joker

Contact
www.facebook.com/iliensestree
<<< indietro


   
God The Barbarian Horde
"Forefathers: A Spiritual Heritage"
Triskelis
"Orior"
The Great Kat
"Beethoven’s Minuet in G for Guitar, Violin and Piano"
Old Bridge
"Bless The Hell"
Green Carnation
"Leaves Of Yesteryear"
Ilienses Tree
"Till Autumn Comes"
Hautville / La Pietra Lunare
"Il Mago Ubriaco"
Black Phantom
"Zero Hour Is Now"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   


Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2020
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild