Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Il Cerchio D’Oro
:: Il Cerchio D’Oro - Il Fuoco Sotto La Cenere - (Black Widow - 2017)
Il Cerchio D’Oro è uno di quei nomi che hanno contribuito alla crescita del fascino del movimento progressivo tricolore. I savonesi sono una di quelle band che, arrivando solo dopo decenni all’esordio, hanno riverberato il proprio nome, creando attesa e mistero. Nel caso del gruppo di Savona la stampa del primo disco è arrivata nel 1999, a circa un quarto di secolo dalla fondazione del gruppo, grazie alla Mellow Records che ha messo su Cd una serie di registrazioni di periodi differenti. Da quel momento in poi qualcosa si è sbloccato e Il Cerchio, anche se con tempi molti dilatati, ha iniziato a produrre nuova musica, andata a finire su La Quadratura Del Cerchio (2005), Il Viaggio di Colombo (2008), Dedalo e Icaro (2008) e sul più recente (2017) Il Fuoco Sotto La Cenere. Normalmente, i ritorni di queste band di culto si rivelano una delusione, perché il più delle volte quel fascino che si reggeva sul mistero, sull’irrealizzato, scema quando la produzione diventa continua. Fortunatamente, per i progster di Savona questo non è accaduto, perché il filo interrotto anni prima è stato ripreso in modo più che soddisfacente, in quanto il gruppo è stato capace di dar vita a lavori che guardano al passato, senza però apparire manieristici o artificiali. Il prog dei nostri è particolare, anche se classico: soprattutto nei testi si sente ancor oggi un retaggio beat, che li rende sempre particolari. Il sound si poggia sulle tastiere di Piccolini e si indurisce e ammorbidisce a seconda dei diversi passaggi, rimanendo un bilico tra ELP e primi Deep Purple, soprattutto nelle due song iniziali. Più classicamente italiana, di stampo Le Orme, ‘Per Sempre Qui’, che presenta alla voce l’ospite Pino Ballarini de Il Rovescio Della Medaglia. Gli altri ospiti sono Giorgio Usai e Paolo Siani dei Nuova Idea su ‘Il Rock e L’inferno’, brano che chiude l’album (dopo c’è solo la cover de ‘Il Fuoco Sulla Collina’ del grande Ivan Graziani) e ne rappresenta il punto massimo oltre che una sorta di manifesto ideologico, poiché riesce a condensare in tutta la sua durata quelle che sono le caratteristiche della band. Il fuoco sotto la cenere che i membri originari della band hanno covato per anni non pare ancora affievolirsi, anzi la fiamma che alimenta il Cerchio D’Oro, è più viva che mai e arde nelle tracce che compongo questo lavoro!
Voto: 8/10
g.f.cassatella

Contact
www.facebook.com/Il-Cerchio-dOro-190064085088
www.blackwidow.it
<<< indietro


   
Rocka Rollas
"Celtic Kings"
Desert Wizards
"Beyond the Gates of the Cosmic Kingdom"
Urban Steam
"Under Concrete"
Il Cerchio D’Oro
"Il Fuoco Sotto La Cenere"
Anthrax
"Kings Among Scotland"
Nirnaeth
"The Extinction Generation"
Damnation Gallery
"Black Stains"
Blindcat
"ShockWave"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2018
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild