Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Gualty
:: Gualty - Transistor - (Red Cat Records - 2018)
Simone Trilli “inizia” con questo progetto nel 2011 e dopo un disco autoprodotto nel 2012 (dal titolo “Guilty Volume 1”), pubblicano nel 2015 “Roba dell’altro mondo” (il loro secondo disco) con la Goodfellas; nel 2016 invece inizia la stesura di “Transistor”, un disco volutamente Post-Punk, con chiari riferimenti a band e personaggi degli anni ‘70/’80 come Alan Vega, Talking Heads, Kraftwerk, Joy Division, Tuxedomoon, Killing Joke, etc… e aggiungo anche i primi Litfiba e i Diaframma. La scrittura ha uno stile retrò, senza però disdegnare i tempi moderni… si spazia dalle visioni noir all’angoscia della routine, passando per la frenesia dell’individualità (e non dimentichiamo, anche per i ricordi del passato) – in un brano affrontano il tema dei vaccini, schierandosi dalla parte dei NoVax. La band canta in lingua madre e ci regala un disco con ben dodici tracce (compreso l’outro finale). Tra i brani più “moderni”, cito “Villaggio Morte”; “Try Vega” e “Sostanze Aliene”, dal sound moderno/elettronico che può anche richiamare i “defunti” Bluvertigo oltre ad alcune band sopraccitate. “Family Dream” invece è un brano più lento, ma con un testo “contorto” su una famiglia moderna e che vive mille “avventure/disavventure”. “Gargantua” è un brano strumentale più legato alla scuola dei primi Litfiba (e alla new wave); “Bethel” è un brano a metà strada tra i già citati Bluvertigo e la new wave dei Litfiba/Diaframma (soprattutto la voce di Simone Trilli, in alcune parti dell’album, ricorda il primo Piero Pelù). La copertina del disco è davvero brutta (o sarà io che non l’avrò capita, boh!), non è d’impatto e potrebbe essere scambiata per quella di un disco di musica dance o comunque lontano da quanto in realtà proposto – de gustibus! Cos’altro aggiungere? Beh, “Transistor” non è un album difficile da ascoltare, ma… non è nemmeno un disco facile da farsi piacere; perciò, se amate le sonorità sopraccitate, vi consiglio l’ascolto (e ovviamente vi consiglio di andare a rispolverare i primi Litfiba), per il resto, provate prima su YouTube. A me, personalmente (ma sempre con il massimo rispetto), non hanno colpito – però ragazzi, per me è un arrivederci con un lavoro futuro magari più “corposo” e più personale.
Voto: 5,5/10
Giovanni Clemente

Contact
www.facebook.it/Gualty-271260689553839
<<< indietro


   
Entering Polaris
"Godseed"
Pizdamati
"La Mia Vita"
Hyrgal
"Serpentine"
Fakir Thongs
"Lupex"
Gualty
"Transistor"
Necrodeath
"The Age Of Dead Christ"
Paradise Lost
"Believe In Nothing (remixed-remastered)"
Virtual Time
"From The Roots To A Folded Sky"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2018
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild