Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Detest
:: Detest - The End of All Ends - (Stormspell Records - 2017)
“Le tracce di The End of All Ends sono state scritte per una demo – che non è stata mai pubblicata – tra il 1991/1992. Anche se su alcune tracce mancavano i testi, o un coro, una solista… dopo tanti problemi/motivi, finalmente i Detest ce l’hanno fatta!”. Con questo “messaggio”, l’etichetta americana ci presenta i misconosciuti Detest; come di consueto, la Stormspell Records si conferma una delle poche etichette indipendenti che va a scovare/rispolverare anche demo interessanti, ma trascurate e/o abbandonate nell’oblio. I Detest arrivano dalla Svezia, hanno inciso solo qualche demo e qualche EP prima di dividersi; naturalmente, in questo The End of All Ends, troveremo il demo “abbandonato” più l’EP Thundersteel che è uscito nel 2012 – i brani sono stati ri-registrati: completati e poi risuonati. A dispetto del lavoro (e dal “bel” sapore vintage) delle chitarre di Micke Darth – che macina riff e emozioni epiche – l’anello debole del disco è la voce… non sempre all’altezza dell’epicità del lavoro. In Rete ho letto che il chitarrista Därth dichiara: “il brano mid-tempo Thoughts of Love è la canzone più remota di questa “raccolta”, ed è stata scritta per una band primordiale, quindi prima di subentrare nei Detest – risale dunque al 1987”. Se vogliamo parlare del sound di questa band e (o meglio) scoprire a chi possiamo accostarli, beh, possiamo dire che c’è un bel mix di NWOBHM oscura (quindi citerei gli Angel Witch), di speed metal in qualche frangente e, perché no, non mancano i riferimenti ai maestri Candlemass – anche la misteriosa ed oscura copertina è di questo avviso! Tra i brani più interessanti, cito volentieri: Final Hour (per i rallentamenti); Aim Higher (al limite con il thrash e dove ricordano i primi Metallica); Rebellion (per il sapore old style); The Creatures (un brano più veloce e dannatamente Heavy Metal) e infine la title-track, per il suo “omaggio” sabbathiano. Insomma, considerando che abbiamo a che fare con brani di “epoche” diverse e sicuramente di ispirazioni diverse… credo che sia ora di dare un ascolto al buon lavoro svolto da questa band svedese. Devo dire che personalmente ho davvero apprezzato questo disco; peccato però per la voce (altrimenti il mio voto sarebbe stato più alto, giuro!),che è spesso priva di mordente e di quell’alone di mistero e rabbia che ha caratterizzato le band “arcane” degli anni ’80 (e non solo). Perciò, se amate i gruppi citati e/o le sonorità di riferimento, beh... The End of All Ends è un album che di certo non può mancare nella vostra discografia… e allora, cosa aspettate: affrettatevi e non lasciate questi brani nell’indifferenza e nell’oblio, in giro c’è di peggio, e quel peggio continua a sfornare dischi mediocri!
Voto: 7,5/10
Giovanni Clemente

Contact
stormspell.bandcamp.com/album/the-end-of-all-ends
<<< indietro


   
Zippo
"Ode To Maximum (reissue)"
Nevrorea
"Diva"
Albert Marshall
"Speakeasy"
Enio Nicolini
"Live Heavy Sharing Vinile Release"
Silver P.
"Silver P."
AmorNero
"Self Titled"
Moonreich
"Fugue"
Gto
"Super"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2018
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild