Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Chur
:: Chur - Four-Faced - (Autoprodotto - 2019)
“Four-Faced” è il quarto album della one-band ucraina Folk Metal chiamata Chur. Tale Yevhen Kucherov suona chitarre, arpa, cornamuse, tastiere, percussioni varie di caratura folk mentre il suo cantato resta sempre in bilico tra thrash e folk, clean e una spruzzatina di growl. Il nome Chur sta per il dio slavo protettore della casa, della famiglia e dell’area circostante alla propria abitazione; i testi sia in inglese che in madre lingua parlano della mitologia slava e del paganesimo ucraino. Le prime due tracce “Goddess” e “Four Faced” ci trasportano in un viaggio folcloristico in attraverso le storie slave deliziandoci con strumenti d’altri tempi molto ipnotici e onirici, sempre con un sottofondo semplice di matrice thrash.
La successiva “Wild Steppe” si erge a cavalcata trionfale con l’intro avviata dallo scacciapensieri siciliano. Sia “Paradise” che “Tyra” con “Dancer” sono esercizi puramente tecnico-compositivi in favore del melodic / thrash / folk molto tradizionale. Qulache filler qui e là tra cornamuse (“River”) e riff corposi con cavalcate di “Battle of Konotop”. “Freedom or Death” è molto bella nel suo intercedere presso gli dei con i soliti stacchi ritualistici e chitarre stoppate alla Anthrax più mosh. “Steppe Hot” è la finale traccia strumentale, ed è un diamante grezzo, che potrebbe far parte della colonna sonora del film capolavoro “Il Settimo Sigillo” di Ingmar Bergman. A proposito, in questo album ci si immerge decisamente nei film tipo tra Conan il Barbaro, Lady Hawke, King Arthur, Excalibur, ecc. Certo che alle volte mi verrebbe da dire in stile fantozziano: “Escalabar, Escansala, Eschizibur, Escansa, Decubitus, Trumbuls, Escambi” e sentirmi dire dal mago Merlino: “Excalibur, imbecille!”.
Disco per i fan del folk metal pagano con il sottofondo thrash e con un’ottima produzione.
Voto: 6,5/10
Daniele Mugnai

Contact
churfolkmetal.bandcamp.com
<<< indietro


   
Pile of Priests
"Pile of Priests"
Dead Venus
"Bird of Paradise"
God The Barbarian Horde
"Forefathers: A Spiritual Heritage"
Triskelis
"Orior"
The Great Kat
"Beethoven’s Minuet in G for Guitar, Violin and Piano"
Old Bridge
"Bless The Hell"
Green Carnation
"Leaves Of Yesteryear"
Ilienses Tree
"Till Autumn Comes"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   


Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2020
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild