Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Chromium Hawk Machine
:: Chromium Hawk Machine - Annunaki - (Black Widow - 2017)
In letteratura o al cinema si chiamerebbe crossover. Due eroi della fantascienza, alfieri delle esplorazioni planetarie, che si incontrano a un certo punto del loro cammino astrale. In questo caso, però, l’ambito di riferimento artistico è la musica, e i due eroi esistono in carne ed ossa. Parliamo del britannico Nick Turner e dello statunitense Helios Creed, cioè due delle menti principali dietro a quei pezzi di storia che rispondono al nome di Hawkwind e Chrome. Il rendez-vous è avvenuto a metà strada, tant’è che questo nuovo progetto prende il nome di Chromium Hawk Machine, giusto per non scontentare nessuno, e vanta un terzo elemento nell’equipaggio, Jay Tausig (batteria, synth e basso). Il risultato di questo meltin pot è un doppio cd permeato dalle energie cosmiche. Forse un po’ caotiche, figlie del caso, ma che rispettano certi equilibri incomprensibili a noi terrestri. Se conoscete i personaggi coinvolti sapete già cosa aspettarvi, space-psych rock di prima categoria. L’energia dei tre è trascinante, stordisce (sballa), a volte pare fuori controllo, quando il trio si perde in lunghe jam spaziali che hanno il proprio apice nei trenta minuti e passa di “Crying Moon, Dying Sun”. Probabilmente l’ago della bilancia pende più dal lato dell’inglese, forti sono i richiami agli Hawkwind, non fosse altro per il suono del suo inconfondibile sax. Ma poco importa, il bello di questo doppio album è quello che libera dai pensieri e anche dalla forma, è un magma di note irruente, e il naufragar m’è dolce in questo spazio siderale. Un plauso alla Black Widow, etichetta sempre controcorrente e coraggiosa, che ancora una volta con un disco come questo “Annunaki” ha reso possibile l’incontro di due mondi e due storie solo apparentemente distanti anni luce.
Voto: 8/10
g.f.casatella

Contact
www.blackwidow.it
<<< indietro


   
Necrodeath
"The Age Of Dead Christ"
Paradise Lost
"Believe In Nothing (remixed-remastered)"
Virtual Time
"From The Roots To A Folded Sky"
The Night Flight Orchestra
"Sometimes The World Ain’t Enough"
The Courettes
"We Are The Courettes"
Eversin
"Armageddon Genesi"
Paola Pellegrini Lexrock
"Lady To Rock"
Alberto Nemo
"6X0"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2018
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild